Réseau Syndical International de Solidarité et de Luttes


sabato, 19 settembre 2020

 
 

 

Brasile: No al licenziamento di 2.500 lavoratori dell’Embraer!

Home > Settori > Industria, metallurgia, chimica > Brasile: No al licenziamento di 2.500 (...)

Embraer, una società brasiliana di prodotti aerospaziali, ha annunciato il licenziamento di 2.500 lavoratori giovedì scorso, 3 settembre. I licenziamenti sono stati effettuati senza alcuna trattativa con il Sindacato dei lavoratori siderurgici di São José dos Campos, in violazione di un accordo di mantenimento del posto di lavoro firmato il 9 aprile (clausola 8.1), proprio in un periodo di calamità pubblica causata dalla Covid-19.

Il sindacato ha messo in discussione il carattere volontario del Piano di partenza volontario, poiché molti lavoratori si sono lamentati del fatto che i dirigenti di Embraer hanno fatto pressione su coloro che erano in congedo retribuito per aderire a questo "piano di partenza volontario". Il procuratore del lavoro sta indagando su queste denunce.

Embraer attribuisce la colpa dei licenziamenti alla pandemia, ma gli studi dimostrano che le difficoltà finanziarie sono state causate da una cattiva gestione da parte del consiglio di amministrazione durante le trattative con la Boeing. Le perdite generate dal processo di vendita hanno raggiunto 1,2 miliardi di R$. Quelli generati dalla pandemia sono stati pari a 83,7 milioni di reais.

Negli ultimi due anni, il management di Embraer ha intrapreso in modo irresponsabile una transazione commerciale con Boeing - che ha finito per rompere l’accordo nell’aprile di quest’anno. Se la vendita dovesse avvenire, andrebbe principalmente a vantaggio della società statunitense e dei suoi insaziabili azionisti, a scapito degli interessi e della sovranità del Brasile. Il progetto è fallito, la direzione e gli azionisti stanno ora spostando il peso della crisi così creata sui lavoratori.

Il sindacato agirà per annullare i licenziamenti. E’ inaccettabile licenziare i lavoratori nel bel mezzo di una pandemia. Mentre la dirigenza mantiene gli alti dirigenti con stipendi milionari, la direzione sta licenziando 2.500 padri e madri che dipendono dal loro lavoro per sopravvivere.

Il sindacato dei lavoratori metalmeccanici di São José dos Campos e della regione, affiliato al CSP-Conlutas, si è riunito venerdì e sabato, durante i quali i lavoratori della Embraer hanno approvato la proposta del sindacato contro i licenziamenti e hanno approvato lo sciopero.

Le organizzazioni membri della Rete internazionale di solidarietà e lotta sindacale denunciano i licenziamenti. Sono nella crudele logica della difesa del profitto nella società capitalista. Chiediamo l’immediato reintegro dei 2500 lavoratori. Più che mai, la campagna dell’Unione degli Acciaieri di São José dos Campos per la rinazionalizzazione di Embraer è necessaria per salvare posti di lavoro. È necessario rimettere Embraer nelle mani del popolo brasiliano, salvando migliaia di posti di lavoro diretti e indiretti nel settore aeronautico, oltre che la capacità tecnologica e la sovranità del Paese.

Ripudio dei licenziamenti!
Per l’immediata reintegrazione di tutti i licenziati!

Invia la mozione a questa e-mail qui sotto:
Presidente di Embraer CEO - Francisco Gomes Neto: fgn@embraer.com.br
Dipartimento Risorse Umane Embraer: relacoes.trabalhistas@embraer.com.br
Sindaco della città di São José dos Campos - Felício Ramuth: prefeito@sjc.sp.gov.br
Presidente BNDES - Gustavo Montezano: presidencia@bndes.gov.br
Con copia a: secretaria@sindmetalsjc.org.br